Prestito

La Biblioteca di Area Scienze Politiche cura la semplificazione e la rapidità delle procedure di prestito, attraverso l’uso di strumenti informatici.
Sono ammessi di diritto al prestito tutti gli utenti interni di Area e gli utenti interni di altre Aree, nonché, se autorizzati dal Direttore della Biblioteca, gli utenti esterni.
Salvo disposizioni del direttore, è escluso dal prestito il seguente materiale:
•    materiale non ancora inventariato o catalogato;
•    opere di consultazione e di uso frequente: enciclopedie, dizionari, vocabolari, codici, repertori, bibliografie;
•    materiale manoscritto a stampa e antico, raro e di particolare pregio storico-artistico e autografato;
•    tesi di laurea;
•    microfilm, microfiches;
•    opere ricevute in prestito interbibliotecario per le quali sia richiesto dall’istituzione prestante l’obbligo della lettura in sede;
•    materiale per il quale il donatore o il testatore abbia espressamente vietato il prestito;
•    opere a fogli mobili;
•    libri in precario stato di conservazione;
•    opere ad uso interno per i servizi di biblioteca;
•    documenti su supporto elettronico:
•    tutti i documenti che, pur non rientrando nei punti precedenti, non risultino prestabili nel catalogo di Ateneo.
La Biblioteca fissa il numero massimo di volumi prestabili in n. 3 unità. La durata del prestito è fissata in n. 15 giorni, al termine dei quali il materiale deve essere restituito; se non risultano richieste da parte di altri utenti, il prestito può essere rinnovato, prima della scadenza, per ulteriori 15 giorni e dietro presentazione del testo stesso. Il prestito è personale, non può essere trasferito ad altri e deve concludersi con la restituzione entro il termine di scadenza. Sono previste sanzioni per le inadempienze (ritiro tessera biblioteca, comunicazione e susseguente sanzioni da parte della Commissione Biblioteca, fino alla comunicazione in segreteria studenti).